Luna di Miele tra Miti e Leggende-copertina

La Luna di Miele, per antonomasia, la si immagina sempre su un’isola selvaggia, in mezzo alla natura. L’idea è rilassarsi sotto le palme, con un drink alla frutta in mano, di fonte ad un panorama mozzafiato oltreoceano. Noi italiani però, abbiamo la “grande bellezza” in casa: perchè andare a cercare altrove? Vediamo quindi, insieme a Martina Lissoni (Personal Travel Agent di Musement), come può essere la Luna di Miele in Sud Italia, con i suoi romantici scenari e le leggende che li caratterizzano.

Per quanto possa suonare scontato e banale, in realtà un viaggio in Sud Italia può diventare MOLTO originale, garantendo al contempo bellissime strutture ricettive di lusso. Ripercorriamo il Sud del nostro Belpaese, attraverso i miti e le leggende di alcune località, con usi e costumi ancora oggi gelosamente custoditi.

Luna di Miele in Sud Italia: la meravigliosa Sicilia

La Sicilia é storia, folklore, paesaggi vergini, mare cristallino e cultura culinaria. Inoltre, il clima è davvero favorevole tutto l’anno, poichè quasi sempre mite e soleggiato. I mesi migliori, per un viaggio di nozze in Sicilia, sono maggio, giugno, settembre e ottobre.

Come organizzare una Luna di Miele Siciliana?

Come prima cosa, prevedete due o tre giorni dedicati a ciascuna delle città principali della Sicilia: Palermo, città arabo-normanna, e Catania, città barocca. Queste due grandissime città, piene di vita, rappresentano il cuore pulsante, economico e politico della Sicilia, ed è quindi impensabile non visitarle. Il Teatro Massimo, la Cappella Palatina, le strade antiche… le bellezze di questa zona sono davvero infinite.

In ogni caso, per effettuare un itinerario pratico del viaggio, il consiglio è di fare una distinzione tra Sicilia occidentale e orientale.
Dal versante Occidentale, dopo aver visitato Palermo, potete sposarvi in direzione di Trapani, facendo tappa ad Erice e a Marsala, famosa invece per le saline.
Lungo il versante Orientale, invece, da non perdere è la valle dei Templi, in provincia di Agrigento e la baia dei Turchi.
Nella parte sud-est della Sicilia si trova poi, Val di Noto, la parte più bella e suggestiva di tutta l’isola (divenuta super famosa grazie anche al matrimonio dei Ferragnez, nel 2018). Qualunque zona scegliate di visitare, cadrete sempre in piedi: la Sicilia offre numerose location romantiche. Vediamone alcune.

Villa Carlotta – Taormina

A Taormina potrete coccolarvi nel lussuosissimo appartamento al mare di Villa Carlotta: rilassatevi nella jacuzzi privata, di fronte ad un impareggiabile panorama! Tenete conto che la zona di Taormina ha meno disponibilità di spiagge sabbiose, che sono invece abbondanti sulla costa sud dell’isola. Nonostante questo, Taormina rimane una delle zonne più belle di tutto il Sud Italia. Da qui, ci si puó muovere agevolmente per una visita alle altre isole delle Eolie: Filicudi, Salina, Stromboli, Vulcano o Panarea.

Masseria Agnello – Agrigento

Per deliziare il palato la Masseria Agnello, nella zona di Agrigento, è ciò che vi consiglio. Situata a pochi minuti dalle sinuose e bianchissime insenature della spettacolare spiaggia di Scala dei Turchi, questa location offre un soggiorno di lusso e relax. Immersi nella natura, potrete godere del meraviglioso tramonto, di fronte ad un buon vino tipico e un ricco piatto di pasta locale.

La leggenda della Tre Ninfe – Sicilia

Tre semidivinità che vagavano per il mondo, danzando e raccogliendo manciate di terra e frutti, dai terreni più fertili, un giorno arrivarono in una terra luminosa. Lì, cominciarono a danzare, come mai avevano fatto prima. Danzavano con grazia e lasciavano cadere in mare i preziosi doni, che avevano raccolto durante il loro lunghissimo viaggio. Ecco che, all’improvviso, dalle acque del Mediterraneo emersero tre promontori, Capo Peloro, Capo Passero e Capo Lilibeo. Su di essi prese forma un arcobaleno radioso: era un’isola bellissima, dalla triangolare forma: nacque una fertile terra, la Sicilia.

Luna di miele in Sud Italia: la splendida Puglia

Ottocento chilometri di coste con scogliere, arenili, sabbie bianche, falesie dal Gargano, fin giù nel Salento, passando per le magnifiche spiagge di Taranto, se amate il mare, in Puglia ce n’è per tutti i gusti. Se siete nature lovers e vi piace scoprire piccoli borghi a misura d’uomo, l’incantevole Valle d’Itria fa per voi! Visitate poi le storiche e affascinanti masserie pugliesi, la natura e le leccornie tipiche della regione… la Puglia saprà entrarvi nel cuore! Vediamo qualche location.

Villa Scapone Resort – Gargano

Nella zona del Gargano, a ridosso della famosa spiaggia di Mattinatella, vi è una struttura costruita a picco sul mare e nella quale ho avuto la fortuna di soggiornare: Villa Scapone Resort. Alcune camere dispongono di jacuzzi in terrazza da cui è possibile ammirare il panorama circostante. Decine di bianchi gazebo e un silenzio irreale vi permetteranno di rilassarvi di fronte all’infinito blu del mare ed un ristorante con una vista mozzafiato vi offrirà prelibati piatti locali.

Le Alcove, Luxury Resort – Alberobello

Per una luna di miele con i fiocchi, suggerisco anche Le Alcove, Luxury Resort nei trulli, ad Alberobello, nel cuore della Valle d’Itria. Il resort è ubicato nella piazza principale della città e le sue origini risalgono alla seconda metà del XVI secolo quando Alberobello era un piccolo feudo. Il complesso offre svariate tipologie di trulli e uno dei più romantici è Il Sognatore: Trullo Suite con letto matrimoniale a baldacchino su soppalco in pietra. Il bagno è formato da due ambienti: la vasca idromassaggio è ubicata in un piccolo trullo adiacente, raggiungibile attraverso un corridoio. Meraviglioso!

Airstream 'Glamping' in Andalucia!

I Trulli Nanì – Alberobello

Altra location altrettanto adatta ad un soggiorno indimenticabile, sempre nella suggestiva zona di Alberobello, i Trulli Nanì. Arredamento semplice ed elegante, colori pastello ed un’atmosfera da sogno. La sera i piccoli vialetti tra i trulli si illuminano rendendo ancora più magico il Resort.

Leggenda pugliese: l’amore di Pizzomunno e Cristalda

Spostandoci dalla punta al tacco del nostro “Stivale” ci fermiamo nella meravigliosa zona del Gargano con la sua romantica leggenda: l’amore di Pizzomunno e Cristalda.

La storia d’amore tre i due giovani nasce sulle spiagge pugliesi di Vieste quando ancora era un pittoresco borgo di pescatori.
Pizzomunno era un bellissimo giovane, forte e affascinante, mentre Cristalda era di una bellezza più unica che rara e i suoi capelli lucenti ricordavano le spighe di grano al sole. Essendo un pescatore, Pizzomunno era soggetto alle insistenti attenzioni delle sirene, che popolavano l’azzurro mare di Vieste. Le sirene, secondo la leggenza, miravano ad attirare, con i loro canti ammaliatori, ignari giovani, per prendersi le loro sfortunate vite. Pizzomunno però, era sordo ai loro lussuriosi inviti.
Le sirene, offese e umiliate, vollero allora vendicarsi, nel modo più malvagio. Una sera i due giovani si recarono sulla riva del mare, per amoreggiare al chiaro di luna, ma le gelose sirene emersero dalle profondità degli abissi, rapirono la bellissima Cristalda e la portarono in fondo al mare, con loro. In quel momento, Pizzomunno si pietrificò dal dolore, trasformandosi in un enorme monolite, che ancora oggi troneggia sulla spiaggia di Vieste.

tradizione-di-nozze-ferro-cavallo
Paese che vai, tradizione di nozze che trovi!

Pare però, che il sortilegio, che ha colpito la sfortunata coppia, possa essere sciolto dal destino ogni 100 anni, precisamente la notte del 15 di agosto, quando ai due innamorati è concesso finalmente di amarsi, perché Pizzomunno abbandona le sue sembianze pietrificate e Cristalda riemerge dagli abissi, che l’avevano condannata a stare lontana dal suo amore.

Un viaggio di nozze in Italia, grazie al suo romanticismo, ai miti e alle leggende, ai profumi e ai sapori unici e grazie alle sue location da sogno, sarà IL Viaggio che sognavate da tempo.

Parola di Martina Lissoni – Pta @Musement

Ti piace? Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *