Il Nord della Spagna è certamente meta ideale, per un romantico Viaggio di nozze. Tra città d’arte e sapori, i castelli e le bellezze architettoniche, l’atmosfera di storia e antichità perfettamente conservate, questa zona è considerata anche il “museo di Spagna”.

Nord della Spagna: quando andare?

I periodi migliori, per andare nel nord della Spagna, sono la primavera e l’autunno, poichè il tempo mite è ideale per visitare la città, e in estate, se desiderate anche aggiungere un’estensione mare.

Partiamo da Salamanca

Salamanca, capoluogo dell’omonima provincia della regione di Castiglia e León, è sede di una delle più antiche università europee, nonché uno dei principali centri intellettuali del Paese.
Con i suoi rinomati edifici in pietra arenaria finemente decorati, la bellissima Plaza Mayor e le sue due Cattedrali, la Vecchia (secc. XII-XIII) e la Nuova (sec. XVI), questa città è sicuramente una delle mete più eleganti, del Nord della Spagna.

Valladolid, il “non capoluogo”

Valladolid è una città nel Nord della Spagna, dal gusto neoclassico, con splendidi palazzetti del Novecento e magnifiche opere religiose, come la Cattedrale dell’Assunzione e la chiesa gotico-spagnola di San Paolo, che sorge nell’omonima piazza, risalente al 1400. Bellissimo il Palazzo Reale, sede dei re spagnoli nel XVII secolo, il Museo nazionale della scultura, situato in un caratteristico edificio gotico, e il Museo di Cristoforo Colombo, che ripercorre la vita dell’esploratore italiano.

Burgos, il gotico spagnolo

Burgos è la capitale provinciale della comunità autonoma di Castiglia e León, del Nord della Spagna. Città del Pantheon dei Re di Spagna, per ben cinque lunghi secoli fu la capitale del regno unificato della Castiglia e León. L’architettura medievale, perfettamente conservata, vanta il capolavoro della Cattedrale della Vergine Maria, ispirata al gotico francese, monumento più celebre della città, costruita tra il 1221 e il 1567, dichiarata Patrimonio dell’Umanità. Lì è sepolto il mitico Cid Campeador, una figura leggendaria della storia spagnola.

burgos-nord-spagna
@Jardoz, CC BY-SA 3.0 creativecommons.org

Ávila, la città di Santa Teresa

Situata a oltre 1.100 metri di quota, a nord-ovest di Madrid, troviamo Ávila. Questa città di fede, ricca di chiese, conventi e monasteri, è caratterizzata da una cinta muraria, tra le meglio conservate d’Europa, ed è nota per la memoria liturgica di Santa Teresa del Gesù, la sua cittadina più celebre. Non mancate di passeggiare romanticamente, tra le bellezze di questo perfetto mix di religiosità e cultura.

Madrid, la capitale

Spostiamoci verso la capitale spagnola. Madrid confina con le comunità autonome della Castiglia e León, a nord-ovest, e della Castiglia-La Mancia, a sud-est. Come descrivere la città? Ritmo frenetico, grande energia, inestimabile cultura culinaria, artistica e architettonica: questa è Madrid.

madrid
@Felipe Gabaldón – originally posted to Flickr 

Cosa vedere a Madrid

  1. Museo del Prado – Questo museo, di fama mondiale, raccoglie le opere dei più grandi artisti, con i capolavori di Goya e Velázquez.
  2. Museo Reina Sofía – Oltre ad ospitare la Guernica di Picasso, questo museo possiede anche diversi pezzi di arte contemporanea degni di nota.
  3. Museo Thyssen-Bornemisza – Dal gotico italiano del XIII secolo, fino alla Pop Art, non mancate di visitare questo museo se siete amanti dell’arte occidentale.
  4. Palazzo Reale di Madrid – Il palazzo più imponente di tutta Europa: un capolavoro che merita assolutamente una visita.
  5. Stadio Santiago Bernabéu – Immancabile tappa, per gli appassionati di calcio.

Galizia, “l’altra Spagna”

Nell’estrema punta nord della Spagna, c’è la comunità autonoma della Galizia, detta L’altra Spagna, grazie all’identità locale fortissima. Qui, il dialetto sostituisce la lingua ufficiale e la presenza di Santiago de Compostela la rende uno dei luoghi più visitati, nel mondo intero.

galizia
@shutterstock

Cosa vedere in Galizia

  1. Vigo – Una città con pochi monumenti artificiali, ma moltissime bellezza naturali, come il magnifico arcipelago delle Isole Cíes, con le sue tipiche alture, o il Monte Santa Tecla, pregiato punto di osservazione del porto e del centro storico.
  2. Pontevedra – Conosciuta come “La città buona”, in virtù dell’alta qualità di vita dei suoi abitanti, è ricchissima di monumenti barocchi, tra i quali la Basilica di Santa Maria Maggiore e la Chiesa della Madonna Pellegrina.
  3. Finisterre – Dall’entroterra, ci spostiamo verso il mare, in questo porticciolo bagnato dalle acque atlantiche. Il nome viene dal latino Finis terrae, ovvero “la fine della Terra”, poichè i romani credevano che qui il mondo finisse.
  4. Santiago de Compostela – Dichiarato Patrimonio UNESCO, si tratta di uno dei luoghi della fede cattolica più famosi al mondo, con i suoi percorsi di pellegrinaggio, lunghi migliaia di chilometri, e la famosa la Cattedrale di San Giacomo il Maggiore.

Foto di Erica Zhao da Pexels