La-fede-nuziale-il-simbolo-del-matrimonio

Ricca di significati e di valori, la porterete con voi per tutta la vita e sarà il simbolo del vostro amore eterno. Cosa? La Fede nuziale.
La Fede (o Vera) è un anello che gli sposi si scambiano durante il rito del matrimonio, a sancire la loro unione, come simbolo di legame e fedeltà, per tutta la vita. Ma come mai la fede è diventata il simbolo del matrimonio? Da dove deriva questa tradizione? Scopriamo di più.

Tradizione

Il termine “fede”, dal latino “fides”, vuol dire fedeltà ed era il nome della Dea Romana che rappresentava la lealtà.
Sapete perchè la Fede nuziale è di forma circolare? Ok, è un anello da mettere al dito, per cui è ovvio che debba essere così… ma è questo il motivo? No. Il cerchio è stato scelto proprio perchè, storicamente, è il simbolo dell’unione, per eccellenza.

La Fede nuziale generalmente viene portata sulla mano sinistra, al dito anulare. Nell’Europa Centro-Orientale e nella Penisola Iberica (tranne Catalogna) l’usanza vuole, invece, che la fede viene messa sulla mano destra e non sulla sinistra. Il motivo per cui viene messa proprio all’anulare, è la credenza che di lì passi una piccola arteria, che, risalendo il braccio, arriva direttamente al cuore.
Secondo diversi costumi, l’anello nuziale è l’ultimo di una serie di regali, che si scambiano gli sposi, come simbolo della loro unione.
Nel matrimonio secondo il rito religioso è usanza, che le fedi vengano portate all’altare dal testimone o dal paggetto e che il celebrante le benedica, prima dello scambio.

La fede nuziale

Un pò di storia: l’evoluzione della Fede nuziale nei secoli

L’anello di fidanzamento si distinse nell’epoca Romana. Detto “anulus pronubus”, serviva a suggellare la promessa di matrimonio. L’anello nuziale, detto invece “vinculum”, era fatto di ferro e, inizialmente, veniva indossato solo dai maschi. In seguito, l’usanza venne estesa anche alle donne.

In ogni caso, indossare un anello dopo il giorno del matrimonio, diventò consuetudine del tutto, solo a partire dal XVI secolo. L’abitudine di incidere i nomi degli sposi e la data delle nozze, all’interno della Fede nuziale, risale invece al Settecento. L’uso dell’oro come materiale, per la fabbricazione della Fede nuziale, al posto del ferro, si deve all’influenza cristiana, per cui l’oro è simbolo di eternità.

Materiale

Quando vi troverete a scegliere la vostra Fede nuziale, pensate come prima cosa al materiale.
Come abbiamo detto, in Italia generalmente si usa l’oro, secondo la tradizione cristiana. L’oro 18 carati è il più nobile tra i materiali ed è quello che da meno problemi di allergie o di mantenimento. Se il budget è limitato e avete necessità di risparmiare un pò, vi sconsigliamo di ripiegare su argento, ottone o altri metalli, che con il tempo finirebbero irrimediabilmente per rovinarsi. Il nostro consiglio è di mantenere comunque la scelta dell’oro, preferendo però, una grammatura più leggera. Non ve ne pentirete!

Fede di ferro
Fede di ferro, che in Italia, a seguito delle sanzioni economiche all’Italia fascista, veniva data a coloro donavano la propria Fede d’oro, per sostenere lo sforzo bellico, durante la guerra d’Etiopia (1935).

Colore

Sempre più spesso, il tradizionale oro giallo viene integrato con o sostituito da oro bianco, rosa o dal platino. Esistono anche soluzioni più ardite, ma vi consigliamo di non osare troppo, per non rischiare che vi stanchino.
Le donne, solitamente, si indirizzano verso il tradizionale oro giallo o verso il più “delicato” oro rosa, magari con brillanti e decori. L’uomo, invece, preferisce in genere un anello classico, liscio, in oro giallo o bianco, ritenuto più maschile. Non è necessario che le Fedi di sposo e sposa siano identiche, ma è preferibile che siano coordinate.

Quali modelli esistono?

Il peso della classica Fede nuziale varia dai 3 g ai 16 g e ne esistono differenti modelli. Vediamo quali:

  • Classica, tonda e smussata. Tradizionalmente realizzata in oro giallo, senza pietre preziose, in oro giallo; è larga circa 4mm. Perfetta per chi non è abituato ad indossare anelli.
  • Francesina, sottile, leggermente bombata e con i bordi smussati. Anche questa fede è poco invasiva e risulta quindi comoda anche per chi solitamente non usa indossare anelli.
  • Mantovana, più alta, piatta e pesante rispetto alla Francesina, è di moda sceglierla in oro rosa.
  • Sarda, realizzata in oro molto sottile e decorata con il famoso motivo in pizzo “chiaccherino”. In Sardegna, si usava anche come anello di fidanzamento.
  • Umbra, porta l’incisione del volto dei due sposi, divisi da un bouquet di fiori. Strettamente tradizionale.
  • Ossolana, simbolica. Nasce dall’antica tradizione orafa della Val d’Ossola e riporta quattro immagini: la stella alpina (simbolo di purezza), il grano saraceno (simbolo di prosperità), i nastri intrecciati (perpetuità dell’unione) e le mezze sfere (augurio di prolificità).
  • Etrusca, piatta e decorata con scritte beneauguranti per gli sposi, è un anello piuttosto importante.
  • Ebraica, in filigrana smaltata, decorata da perline. All’interno porta l’incisione “Mazzàl Tov” (Buona Fortuna).
  • Unica, d’oro bianco, giallo o di platino, con un diamante incastonato all’interno o all’esterno.

Curiosità

claddagh-ring
Claddagh Ring

In Irlanda, unicamente per le donne, esiste il Claddagh Ring. Quest’anello di fidanzamento, è composto da due mani che tengono un cuore, sormontato da una corona, che rispettivamente simboleggiano amicizia, amore e lealtà. Il gioiello deve l’origine del suo nome a un villaggio sulla Baia di Galway, chiamato “Claddagh”, nome che in gaelico riporta alla sabbia rocciosa, tipica della zona.

I Claddagh Ring divennero la dote delle spose: le madri li passavano alle figlie, nel giorno del loro matrimonio. Questo gioiello non è solo una Fede nuziale, ma è anche un vero e proprio pegno d’amore. Se il cuore è girato verso l’esterno, la persona che indossa l’anello è libera, se guarda all’interno invece, significa che è promessa a qualcuno o è già sposata.

Quale Fede nuziale sceglierete voi,  per suggellare la vostra unione? Avete voglia di osare e di distinguervi, giocando sulla forma e sul modello? Preferite rifarvi alle antiche tradizioni o restare nel mondo moderno? A voi la scelta!

 

Ti piace? Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *